Frontier blues

SINOSSI
Gorgan, una piccola citta iraniana al confine con il Turkmenistan. In questa regione arida e quasi desertica vivono quattro uomini, sospesi tra solitudine e attesa. Alam ha ventotto anni, è turkmeno e abita con il padre. Lavora in un allevamento di polli ma passa tutto il tempo libero attaccato al walkman per imparare l’inglese. Ha deciso, infatti, di sposare Ana e di portarla a Baku, capitale dell’Azerbaigian, ed è convinto che lì parlino tutti in inglese. Anche Hassan ha ventotto anni, e da quando la madre lo ha abbandonato per andare a stare a Parigi vive con uno zio, commerciante di abiti che nessuno acquista. Per compagno Hassan ha soltanto un asino, a cui dà da mangiare giornali vecchi, e la sua attività principale è rubare le targhe delle macchine. Un cantastorie cinquantacinquenne diventa il protagonista di un libro di fotografie. Da quando un pastore in Mercedes verde ha sequestrato sua moglie, trascorre il tempo lamentandosi, sempre accompagnato da una marmaglia di ragazzini.

From-Here016-copy

Picture 1 of 5

REGISTA
Babak Jalali è nato nel 1978 nel Nord dell’Iran; dal 1986 risiede principalmente a Londra.
Ha conseguito la laurea in Studi dell’Est Europeo e un master in Scienze Politiche alla University of London. Nel 2005 si è diplomato in regia alla London Film School.

Il suo film di diploma, “Heydar. An Afghan in Tehran”, è stato proiettato in più di 60 festival e nel 2006 ha ricevuto una nomination come miglior cortometraggio ai BAFTA.

Nel 2006-2007 è stato selezionato tra i partecipanti della Cannes Film Festival Cinefondation Residence. In quell’occasione ha completato la sceneggiatura del suo primo lungometraggio, “Frontier Blues”.

“Frontier Blues” è stato girato nel 2009 nella sua città natale, Gorgan; è stato presentato in concorso al Festival di Locarno e poi in circa 20 festival in tutto il mondo.

“Frontier Blues” ha vinto il premio Fipresci al Festival di San Francisco ed è stato distribuito nel Regno Unito, in Svizzera e in Austria.

CAST & CREW
2009, Iran-Regno Unito-Italia
96′, colori, 35 mm, 1.85:1

una produzione Caspian Films

Regia e sceneggiatura: Babak Jalali

Musiche originali: Noaz Deshe

Fotografia: Shahriar Assadi

Montaggio: Babak Jalali, Kambiz Saffari

Suono: Maziar Razagh

Scenografia: Marjan Golzar

Produttori: Homeyoun Assadian, Ginevra Elkann, Saadi Soudavar

Produttore esecutivo: George Hashemzadeh

Interpreti principali: Mahmoud Kalteh, Abolfazl Karimi, Khajeh Araz Dordi, Behzad Shahrivari, Karima Adebibe, George Hashemzadeh, Hossein Shams