White Shadow

SINOSSI
Dal 2007 è venuto alla luce che in Tanzania, Congo e Kenya gli albini sono ormai divenuti una merce – bersagli umani al centro di un commercio tanto lucrativo quanto sinistro. Gli stregoni offrono migliaia di dollari per parti del corpo di neri albini, spinti dalla credenza che esse portino fortuna, prosperità e garantiscano la cura per ogni malattia. Risultato: gli albini tanzaniani, inclusi numerosi bambini, sono stati uccisi da bande di feroci assassini che hanno amputato braccia, gambe e genitali. Non manca chi è disposto a pagare fino a 5000 dollari per l’arto di un albino, in un paese in cui il reddito medio annuo è di 442 dollari. C’è un detto nell’Africa dell’Est: “Gli albini non muoiono, svaniscono”. Negli ultimi due anni sono state documentate 73 uccisioni di questo tipo negli ultimi due anni, e si calcola che si siano succedute centinaia di aggressioni ad albini mai denunciate alle autorità.

WHITE SHADOW è la storia di Alias, un ragazzo albino in fuga. Dopo aver assistito all’omicidio del padre, viene mandato dalla madre a cercare rifugio in città. Si prende cura di lui lo zio Kosmos, un camionista che sbarca il lunario con piccoli commerci. In città Alias è costretto a crescere in fretta, vendendo per strada occhiali di sole, dvd e telefoni cellulari. Si lega sentimentalmente ad Antoinette, la figlia di Kosmos il quale non vede la cosa di buon occhio. In breve la città diviene minacciosa quanto la savana da cui è fuggito, ed ovunque vada Alias sembra non potersi sottrarre a durissime leggi di sopravvivenza.

screen-shot-2011-11-25

Picture 1 of 6

REGISTA
Noaz Deshe è un’artista e filmmaker; vive tra Berlino e Los Angeles.

Ha composto le musiche di “Frontier Blues”, opera prima del regista iraniano Babak Jalali.

È in corso di pubblicazione la sua prima graphic novel, “In Case We Never Meet Again”.

“White Shadow” è la sua opera prima.

CAST & CREW
2013, Italia-Germania-Tanzania
117′, colore, HD, 1.85:1

una produzione Asmara Films, Shadoworks, Mocajo Film
in coproduzione con Chromosom Filmproduktion, French Exit, Phantasma Films, Real2Reel

Regia: Noaz Deshe
Sceneggiatura: Noaz Deshe, James Masson
Fotografia: Armin Dierolf, Noaz Deshe
Montaggio: Noaz Deshe, Xavier Box, Robin HIll, Nico Leunen
Scenografia: Smith Kimaro, Deepesh Shapriya
Costumi: Sandra Leutert, Caren Miesenberger
Line producers: Vanessa Ciszewski, Francesca Zanza

Produttori associati: Matteo Ceccarini, Eva Riccobono, Luigi De Vecchi, Depart Foundation, Andreas Hommelsheim

Produttori esecutivi: Ryan Gosling, Stefano Gallini-Durante

Coproduttori: Alexander Wadouh, Matthias Luthardt, Babak Jalali

Prodotto da: Ginevra Elkann, Noaz Deshe, Francesco Melzi d’Eril

Interpreti principali:  Hamisi Bazili, James Gayo, Glory Mbayuwayu, Salum Abdallah, James P. Salala, Tito Ntanga, Riziki Ally, John S. Mwakipunda

Anteprima: 70 Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 28 Settimana Internazionale della Critica. Leone del Futuro, Premio Luigi De Laurentis Venezia Opera Prima